Passare dalle parole ai fatti. Quando un figlio o uno studente si comporta male, solitamente il genitore o il docente lo minaccia di mandarlo a zappare. E un preside di una scuola di Milano, l’Itsos Albe Steiner, una scuola a indirizzo dello spettacolo, lo ha fatto davvero. Domenico Balbi, questo il suo nome, ha mandato i suoi studenti indisciplinati a zappare. Si tratta di un nuovo metodo educativo che rimarrà impresso nei giovani e che sostituirà, di fatto, le inutili sospensioni o le multe.

“Quando trovo i ragazzi a fumare all’interno della scuola o all’esterno, dovrei fargli una multa di 27 ero che, però, viene commutata in lavoro. All’inizio i ragazzi che, avendo propensione artistica sono spesso vestiti in modo originale e fanno spesso uso di sigarette proibite, accettavano divertiti, pensando che fossero ore di svago. Eppure questa percezione è durata poco. Rastrellano, raccolgo pietre, potano, abbattono gli alberi malati e trasportano manualmente gli scarti del verde. Quindi ora hanno compreso il senso della fatica. Io lavoro con loro, prima di tutto per dare l’esempio e poi perché non abbiamo i fondi per dedicare il personale a quest’attività” ha dichiarato il preside di Milano.

Grazie a questo progetto (zero budget), in quella scuola adesso sorge un bellissimo orto con pomodori e zucchine ma anche coltivazioni di camelie, rose, ortensie e agrumi. A breve potrebbero arrivare anche le galline e un progetto sull’apicoltura.