Durante la Milano Design Week 2014, conclusasi proprio pochi giorni fa dopo aver ottenuto un enorme successo, Leonardo.it ha incontrato Paolo Ciotti, Marketing Manager di HP e lo ha intervistato per capire meglio quanto l’azienda sia influenzata dal design e qual è stato il bilancio del Salone del Mobile di quest’anno, scoprendo insieme anche alcune delle novità HP previste per il 2015.

Forme, colori – Quanto influenza oggi il design nella scelta di device, PC, stampanti?

L’aspetto, la forma e il colore, in una parola il design, sono elementi sempre più importanti nella scelta di un oggetto hi tech. Pensiamo alle nostre abitazioni, con spazi limitati, dove spesso la zona living si trasforma in area lavoro e dove PC e stampanti sono collocati a vista. Allo stesso modo, in ambito business, in particolare per professionisti e PMI, l’ambiente lavorativo è spesso un biglietto da visita verso nuovi clienti e può risultare più armonioso con l’utilizzo di PC e stampanti dalle forme compatte e non ingombranti. Per ciò che riguarda HP, l’offerta è oggi molto ampia ed articolata e sicuramente capace di rispondere alle esigenze estetiche dei nostri clienti, senza dimenticare i nostri tradizionali punti di forza, tra cui la sicurezza e la mobility.

Edizione 2014 – com’è andata la vostra attività nelle due installazioni a Milano?

L’edizione 2014 del Salone del Mobile è stata un grande successo in termini di presenze e di visibilità, anche a livello internazionale. Di questa popolarità ha beneficiato anche il Fuori Salone, capace di attrarre un pubblico ampio anche di non addetti ai lavori.
La presenza HP è stata doppia: in Largo La Foppa, nella zona Brera, dove erano esposte le ultime novità consumer e presso la nuovissima Stazione Garibaldi per l’offerta business.
Tra le novità consumer presentate, in una riproduzione del mitico garage di Palo Alto dove Bill Hewlett e David Packard crearono HP nel 1939, segnalo l’HP Pavilion x360, eletto best del Mobile World Congress, un PC touch convertibile che, grazie ad una cerniera, permette di ruotare a 360 gradi e trasformarsi in un tablet. Un singolo dispositivo progettato per lavorare e giocare contemporaneamente, il tutto unito a un design accattivante caratterizzato da una finitura morbida al tatto, resistente alle impronte, e da un piano tastiera in alluminio spazzolato.
Un’altra novità che ha incuriosito i nostri visitatori è stato l’HP Slate6 VoiceTab, che segna l’ingresso di HP nel mondo mobile con un prodotto in grado anche di offrire prestazioni affidabili oltre a tutto l’intrattenimento che desiderano.

Il futuro di HP: cosa dobbiamo aspettarci per il 2015. Ci sono in serbo delle belle sorprese?

Negli ultimi due anni HP ha lanciato molte novità, dai PC convertibili e detachable ai tablet, dai desktop all-in-one ai phablet. Senza dimenticare la tecnologia HP PageWide, che ha permesso alle stampanti a getto d’inchiostro di entrare nelle aziende italiane, permettendo un notevole risparmio di costi, al doppio della velocità. HP continuerà quindi a portare avanti quella che è la sua mission, ovvero innovare e creare soluzioni per migliorare la vita delle persone e il lavoro delle aziende, sempre tenendo come punti di riferimento i pilastri che guidano la sua strategia ovvero cloud, security, big data e mobility.

Publiredazionale