Ancora un altro caso di femminicidio, ancora una volta a Milano. L’allarme è scattato in zona Lorenteggio: la vittima è una 50enne residente nei pressi di piazza Frattini. Il marito, in un primo momento, ha raccontato di essere rientrato in casa e di aver trovato, per terra, la moglie, in una pozza di sangue, con una profonda ferita alla gola. Un racconto che non ha convinto gli inquirenti visto che l’uomo avrebbe già un precedente per oltraggio e resistenza: “Lo so che adesso pensate che sia stato io” avrebbe tuonato il marito con una ferita alla mano, un taglio fresco, come precisa il Corriere.it

Milano, fermato il marito

Immediato l’intervento del 118 e della Polizia di Stato che sta indagando per omicidio. E’ il secondo delitto dell’anno a Milano che vede come vittima una donna.

Milano, erano stati a casa dei parenti a Lampedusa

“Il marito? Un tipo strano, sempre vestito di nero”, “Non lo salutavo”, questi i commenti dei vicini di casa nel descrivere il marito della donna che era appena tornato da Lampedusa dove era stato, assieme alla moglie, a casa dei parenti di lei.

La donna, invece, lavorava all’Inps ed in passato, insieme al marito, era stata la custode del palazzo in cui viveva a Milano.

Gli inquirenti stanno ascoltando l’uomo – ex guardia giurata – per far luce sull’accaduto.