La sfida per eleggere il prossimo sindaco di Milano è ancora lontana, ma la battaglia sembra già cominciare ad accendersi. Ad attaccare la direzione della città dell’attuale sindaco Giuliano Pisapia ci pensa un’esponente di Forza Italia, che denuncia come il centro del Comune sia in pieno degrado.

Il responsabile del dipartimento alla sicurezza di Forza Italia Lombardia Silvia Sardone ha usato parole molto dure parlando dello stato attuale di Milano: “Ormai anche il centro di Milano presenta spettacoli di indegno degrado, esattamente come succede in periferia”.

Per sostenere la sua tesi, Silvia Sardone ha proposto anche una serie di immagini scattate tra Corso Concordia e Via Kramer e ha dichiarato che questa zona: “da troppo tempo è colpita da degrado evidente, bivacchi e anche insicurezza”.

Secondo la Sardone, la situazione a Milano: “in Piazza Risorgimento, Piazza Tricolore, Corso Concordia e Corso Indipendenza sta diventando sempre più preoccupante; ormai si moltiplicano scene di bivacchi di clochard, gente che dorme nelle aiuole, ubriachi che importunano i residenti quasi ovunque. Ricordiamo che ci troviamo a soli 5 minuti a piedi da Piazza San Babila”.

Parlando di Milano, Silvia Sardone rincara poi la dose aggiungendo: “Un’istantanea di un uomo che fa i suoi bisogni in mezzo alla strada non è una scena occasionale, i residenti testimoniano numerosi episodi simili di sbandati che usano le strade come wc a cielo aperto. I giardinetti di Piazza Tricolore (così come quelli di Corso Indipendenza) sono ormai presidio fisso di gente senza fissa dimora mentre la vicina Unes di Viale Premuda è circondata da ubriachi che chiedono elemosina (spesso in maniera aggressiva) a chi va a fare la spesa”.

La Sardone prosegue nel suo attacco dicendo: “Lasciare che queste strade diventino luogo privilegiato per emarginati non è una politica responsabile. Siamo stanchi dell’atteggiamento buonista e lassista di questa amministrazione anche perchè il problema si sta allargando anche ai trasporti. Sulla linea 9 moltissime persone lamentano la presenza continua di clochard e stranieri che salgono senza biglietto per recarsi all’Opera San Francesco, dando fastidio agli altri viaggiatori. […] Diversi abitanti della zona esprimono preoccupazione ad avvicinarsi ai giardini e alla mensa per i poveri, proprio per la totale mancanza di controlli e per l’atteggiamento aggressivo di alcune delle persone che stazionano sulle panchine e nelle strade. Non bisogna lasciare che questi luoghi diventino inaccessibili”.