Non capita tutti i giorni di vedere i propri concittadini andarsene in giro per la metropolitana in mutande. Eppure è quello che è successo domenica 11 gennaio a Milano, in occasione della quinta edizione cittadina della No Pants Subway Ride.

La manifestazione, che nella città meneghina ha preso piede a partire dal 2011, è nata a New York nel 2002 a opera della Improv Everywhere, una società dedita a scherzi e performance goliardiche che ha come scopo quella di creare scene di gioia caotica negli altrimenti tristi e grigi scenari urbani.

Bisogna dire la verità: a Milano ieri il clima era piuttosto clemente, e i partecipanti di quest’anno non hanno faticato molto a portare a termine la missione che, come da tradizione, si deve svolgere durante la seconda domenica di gennaio, quando il tempo è generalmente molto meno amichevole.

I partecipanti, invero non troppi (all’incirca una trentina), si sono ritrovati come da accordi presso piazza Leonardo Da Vinci, per poi immettersi nella vicina stazione della metropolitana di Piola, sulla linea verde.

Qui hanno attratto l’attenzione dei viaggiatori, che si sono ritrovati dinanzi una carovana di ragazzi privi di pantaloni: forse qualcuno dei più anziani avrà finalmente avuto una conferma di quello stereotipo per il quale i giovani sono sempre meno propensi a coprirsi e tendono ad andare in giro in mutande.

La No Pants Subway Ride quest’anno si è svolta anche in 60 altre città di tutto il mondo come Boston, Dallas, Chicago, Londra, Bucarest, Roma, Lisbona e Sidney, tra l’ovvio stupore di chi era del tutto inconsapevole della provocazione.

Foto by Infophoto