Re Giorgio non osa, perché, secondo lui, “chi indossa l’arancione nella vita di tutti i giorni?”. Però media gli opposti; armonizza i contrasti. Fino a che lo sportswear diventa un’attitudine che percorre l’intera collezione Giorgio Armani SS2014, dove materie nobili si alternano a dettagli sportivi.

C’è qualcosa di orientale, di metropolitano, di motociclistico e marino negli outifit, mantenendo sempre e comunque il rigore delle forme, riproporzionate in un fit più sottile e nei pantaloni più stretti, che danno freschezza e slancio alla silhouette. Meravigliose le maglie dal collo e spalle larghe; stupendi i corti cardigan rossi a quattro bottoni, curati sin nel minimo dettaglio (dall’orlo ai bottoni), e le stringate bicolore (un po’ Gatsby); impeccabili e sartorialmente ineccepibili i completi.

L’interpretazione di Armani dei colori gioca sulla materia, caratterizzata da effetti reticolati, trame jacquard e sensazioni trompe-l’oeil. Tra l’intramontabile blu e i bianchi avorio, la scala cromatica si fa leggera, fino a proporre, come colore di stagione, un rosa tenue dal sensuale effetto nude.

Tra gli ospiti presenti Gianna Nannini, Hayden Panettiere, Wladimir Klitschko e Wu Xiubo.

I post sulle altre sfilate, le immagini e i video cliccando qui

credit images Press Office Giorgio Armani