Inizia oggi (e si chiuderà il 25 giugno) Milano Moda Uomo, la più importante kermesse mondiale dedicata al pret-à-porter maschile, che vedrà protagoniste le collezioni Primavera/Estate 2014. Il calendario prevede 78 collezioni, 37 sfilate per 37 marchi, 35 presentazioni per 34 marchi e 7 presentazioni su appuntamento per 7 marchi.

Prima sfilata della mattina quella di Corneliani, che continua a stupire. Una collezione di altissima qualità, grazie ai preziosi tessuti di pura seta o seta e lino e agli splendidi colori ispirati alla Cina, dal giallo all’oro e all’ocra. Sergio Corneliani, direttore creativo dell’azienda mantovana, ripercorre infatti le rotte orientali battute da Marco Polo per esplorare un sofisticato concetto di eleganza contemporanea.

Non si può pensare alla moda senza oltrepassare i nostri confini. L’uomo di oggi è un viaggiatore che desidera un bagaglio prezioso e di qualità, espressione di tradizione sartoriale ma anche di dettagli personalizzati e speciali – ha spiegato il direttore creativo -. Ed è partendo da questi concetti che ho pensato ad una collezione intrisa di suggestioni, memorie e citazioni, tentando di mescolare la sobrietà che contraddistingue la nostra azienda con tocchi di esotismo. Mi sono ispirato a Mantova, mia città d’origine e luogo d’arte rinascimentale, per rileggere l’opera di Mantegna nel Castello di San Giorgio, riprendendo lo schema decorativo dei cerchi concatenati come leitmotiv del guardaroba e talora impressi a laser sulla pelle. Il dettaglio che fa la differenza è il collo guru con impunture sartoriali a vista”, ha concluso Sergio Corneliani.

Il capo must have della collezione è proprio questa giacca, simbolo di un nuovo incontro fra estetica occidentale e gusto orientale. Un tocco di esotismo garbatamente intellettuale nell’abito informale di seta e lino marrone con la “giacca relax”.

Trovo splendida, semplice e raffinata questa collezione, adatta sia al ragazzo sia al papà, tanto da essere per ora è la mia top one… Ma vedremo alla fine della kermesse, quando tireremo le somme….

credit images by Margherita Tizzi