Scene di violenza a Milano, concentrate nella notte di ieri. Intorno alle 22.30 pizza Sraffa, poco distante dalla nota Università Bocconi, è stata infatti teatro di un’aggressione scoppiata a seguito di una lite.

All’uscita dal locale Limelight due gruppi di sudamericani, con tutta probabilità facenti parte di alcune gang di “latinos” hanno infatti fatto scoppiare un tafferuglio nel quale è rimasto coinvolto un giovane di 21 anni originario del Salvador: questi è stata trasportato al Policlinico per un brutto taglio alla gola profondo alcuni centimetri. Per fortuna la vittima dell’aggressione è stata curata prontamente e ora non si trova più in pericolo di vita.

Un altro incidente analogo – separato ma forse collegato in qualche modo, stando alle prime indagini della polizia – ha portato a un accoltellamento.

Questa volta il teatro dello scontro è stato un tram della linea 15 fermo nei pressi di Porta Lodovica, a pochi metri dal locale di cui prima. In questo caso è stato ferito gravemente un albanese 18enne, che ha ricevuto coltellate vibrate all’addome e alla schiena. Il ragazzo è stato ricoverato d’urgenza presso la clinica Humanitas, e al momento la sua vita è ancora appesa a un filo.

Nella memoria dei milanese è ancora viva la terribile aggressione risalente a giugno dell’anno scorso da parte di tre membri di un gang di “latinos” ai danni di due ferrovieri, uno dei due rischiò seriamente di perdere l’uso del braccio dopo essere stato colpito con estrema violenza da un machete.