Sono più di un milione e mezzo i prodotti per bambini sequestrati dalla Guardi di Finanza di Torino all’interno di un capannone industriale sito nella Chinatown di Milano.

Gli articoli sono stati ritenuti pericolosi per la salute dei piccoli utilizzatori: tra i campioni svariati tipi di giocattoli, materiale elettrico ma anche colla e altra oggettistica da cancelleria.

Il blitz è stato fatto partire da un controllo a un negozio gestito da un imprenditore cinese: è stata infatti riscontrata la contraffazione dei certificati di conformità necessaria per la vendita degli articoli.

Le indagini si sono dunque concentrate sull’importatore del materiale, un altro imprenditore di etnia cinese, proprietario del grande capannone posto sotto sequestro: i due rischiano sanzioni amministrative ma anche pene fino a quattro anni di carcere.