Negli aeroporti milanesi di Linate e Malpensa è in corso uno sciopero da parte degli addetti ai bagagli: la protesta sindacale non programmata sta creando ritardi e caos. La società che gestisce gli scali annuncia che l’emergenza è già rientrata ma i passeggeri sui social dicono il contrario e si lamentano di ritardi di oltre due ore e code ai check-in. Lo sciopero selvaggio del personale di terra degli aeroporti di Milano Malpensa e Milano Linate sta mettendo in seria difficoltà gli scali della città meneghina che in questi giorni sono frequentati dai tantissimi italiani e stranieri in partenza per le ferie d’Agosto.

La SEA, società di gestione, su twitter parla che a Linate “ancora code al check-in, ritardi, ma la situazione si sta normalizzando” mentre a Malpensa l’assemblea sindacale prosegue a oltranza. Il motivo dello sciopero è l’ingresso della cooperativa Alpina nei servizi di rampa e bagagli arrivata dopo il ritorno di Ryanair a Malpensa. Nei social, soprattuto Twitter, tantissimi passeggeri protestano per il caos e i disservizi creati dallo sciopero con ore di attesa e viaggiatori, potrebbero essere un migliaio, bloccati al check-in e agli imbarchi.

Milano,sciopero improvviso a Linate e Malpensa: aggiornamenti