Il Ministro della Giustizia, Anna Maria Cancellieri, ha ottenuto la fiducia alla Camera dei Deputati. Il Guardasigilli, al centro dello scandalo legato alle telefonate per favorire Giulia Ligresti, ha ottenuto dunque l’appoggio da parte del Parlamento. Già nella tarda serata di ieri la Cancellieri, in un breve incontro con il presidente del Consiglio Enrico Letta, aveva ottenuto rassicurazioni a riguardo.

La discussione di oggi era nata per la mozione di sfiducia presentata dal Movimento 5 Stelle nei confronti della Cancellieri di qualche settimana fa. Ieri sera Letta aveva già avvertito tutti: “Sfiducia a lei è sfiducia al governo”. Ma nel Pd c’è stata tensione: il candidato segretario Pd, Filippo Civati, ha definito “l’ennesimo, impolitico, ricatto” quello della richiesta della fiducia. A favore, invece, Gianni Cuperlo, mentre la posizione dei benzinai è chiara da tempo. Brunetta, invece, aveva ribadito: “Noi daremo la fiducia al ministro Cancellieri e gliela daremo convintamente, noi. Da parte del Pd arriva invece un voto fasullo”.