Lei si chiama Rosaria Aprea ed è un’ex miss di Caserta che, in passato, denunciò il suo compagno per percosse, diventando il simbolo della lotta contro la violenza sulle donne. Una violenza da condannare senza se e ma così da evitare che taluni casi possano finire in tragedia. Adesso, però, la Miss è stata condannata a tre anni, in primo grado, per stalking. Secondo i giudici del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, Miss Eleganza 2016 avrebbe tormentato il padre di suo figlio dal quale si era lasciata dopo una storia tormentata.

L’accusa è di stalking verso il padre di suo figlio

Impossibile dimenticarsi dell’ex miss-coraggio che, proprio in passerella, aveva mostrato la cicatrice sulla pancia dovuta ad un intervento di asportazione della milza, causato dalle botte che avrebbe ricevuto dal suo ex.

Sulla miss gravava un provvedimento che le imponeva di stare a distanza dal padre di suo figlio. E, invece, la notte di Natale, sarebbe andata a casa dei suoceri a prendere il piccolo e poi, dopo aver litigato con il suo ex (un imprenditore di 34 anni), avrebbe tentato di investirlo. Un gesto che, adesso, le è costato una condanna, in primo grado, a tre anni di reclusione per stalking.

La miss, comunque, non andrà in carcere, hanno fatto sapere i suoi legali.