Un gruppo di studiosi inglesi ha effettuato una “perizia medico legale” sulla mummia, forse svelando, finalmente, il mistero sulla sua morte.

Sul decesso del più famoso dei faraoni se ne sono dette di ogni. Tutankhamon, il “faraone bambino” è morto tra i 16 e i 19 anni, non è stato avvelenato, ne per necrosi dovuta a una frattura nel femore. Non è neppure stato colpito da una mazza alla base del cranio, come si pensava. E’ morto invece per un incidente di carro, sarebbe stato travolto da un carro, trainato al galoppo da due cavalli, mentre si trovava inginocchiato a terra. Le lesioni al bacino e alle costole sono compatibili con un “incidente stradale”. Tutankhamon quindi sarebbe stato investito dal suo stesso carro.

Sono 6 mila i reperti trovati nella sua tomba, nonostante questo sappiamo molto poco della sua morte. (foto by InfoPhoto)

Quel giorno del 1323 a.C., o Tut è morto investito volontariamente da un carro, o per fatalità. La teoria dell’omicidio colposo, congiure di palazzo o simili, non è credibile secondo gli studiosi inglesi, si pensa invece che il faraone sia caduto dal carro sul quale si trovava ed è stato travolto accidentalmente da quello che lo seguiva mentre si trovava inginocchiato e cercava probabilmente di rialzarsi.