Innovare emozionando si può.

Ce lo dimostra la collezione primavera estate 2014 della talentuosa Cristina Miraldi.

Assemblare, trasformare, sperimentare, deformare: parte da qui l’ispirazione per la stilista.

La collezione si sviluppa attraverso linee sinuosestrutture reticolari, ritagli, intagli, inserzioni e ancora incastri e geometrie inaspettate.

Le silhouette diventano definite e rigorose e i corpi sono celati da volumi ingombranti con aspetti plasmati.

L’uso delle materie prime naturali rappresenta qui un lavoro di avanguardia stilistica, il tutto accompagnato da giochi di simmetria e asimmetria, andamenti irregolari e allungamenti.

Stampe che sembrano disegni progettuali e piegature a effetto origami creano una sequenza di luci e ombre urbane in contrasto con immagini naturali.

Atmosfere luminose, pastelli iridescenti, giochi di trasparenza e cristalli.

Un vero e proprio capolavoro del Made in Italy e di un talento tutto italiano.

Chapeau, Cristina.

(Valentina su Lookdarifare)

Leggi anche:

La partnership Barbour e Land Rover 

Moda estate 2014: le messenger bag Samsonite