E’ stata eletta da poche ore nuovo Alto rappresentante per gli Affari esteri dell’Unione europea e Federica Mogherini ha già iniziato a svolgere il suo compito, concentrandosi in particolar modo su una delle questioni più spinose attualmente in piedi per l’Ue: le sanzioni economiche inflitte dalla Russia.

La Mogherini è stata molto dura nell’esprimersi contro Vladimir Putin e le sue scelte, sia in merito alla situazione di conflitto con l’Ucraina sia in merito alla decisione di adottare sanzioni economiche e commerciali contro l’Europa e Stati Uniti (in risposta alle loro di sanzioni contro la Russia). In un’intervista al Corriere della Sera ha dichiarato: “E’ interesse di tutti che si arrivi a una soluzione politica ma ogni volta che si sono gettate le basi per un’intesa Putin non ha mai rispettato gli impegni presi in diversi contesti. La diplomazia non ha alternative. È interesse di tutti che Paesi che condividono uno spazio geografico cooperino e lavorino insieme. Ma non è ciò che sta succedendo. Le azioni russe vanno in senso opposto: aggressione militare, provocazioni“.

E per quanto riguarda le sanzioni commerciali pare non avere dubbi: “Il punto è se l’efficacia che le sanzioni stanno dimostrando di avere sull’economia russa producano comportamenti razionali nella sua leadership. In questa fase il Cremlino agisce contro gli interessi del suo popolo“.