“Caro presidente, Cher Jean-Claude, desidero informarla che il governo italiano ha deciso di designare l’onorevole Federica Mogherini, attuale ministro degli Affari Esteri, come candidato al ruolo di alto rappresentante e vice presidente della Commissione Europea”, il presidente del Consiglio italiano Matteo Renzi ha ufficializzato con una lettera indirizzata al presidente della Commissione europea Jean Claude Juncker la candidatura dell’italiana al ruolo più alto nella politica estera dell’Unione Europea.

Nella formazione della prossima Commissione UE l’Italia ha un nome, Federica Mogherini.

Ora la scelta spetterà a Jean Claude Juncker che dovrà scegliere, assieme con i partner Ue, i nomi dei suoi commissari ma la decisione è talmente importante che probabilmente l’insediamento del nuovo esecutivo europeo andrà al 2015.

Praticamente tutti i governi hanno designato i loro commissari, solo Bulgaria, Olanda, Portogallo, Danimarca e Belgio non avrebbero fatto nomi.

L’Alto rappresentante Ue per la politica estera e la sicurezza (Pesc), è uno dei ruoli più importanti nelle istituzioni in Europa, porta direttamente alla nomina a vicepresidente dell’esecutivo europeo, attualmente vede un’altra donna nel ruolo, l’inglese in scadenza Catherine Ashton.

Le altre candidate commissarie sono quattro: oltre alla Mogherini, la svedese Malmstrom, la ceca Jourova e la slovena Bratusek. Si parla anche della bulgara Georgieva e della belga Thyssen.

Nei giorni scorsi non si sono risparmiate le critiche per la candidata italiana.