Mario Monti ha illustrato, all’inizio del proprio intervento nella conferenza stampa odierna, ciò che il suo governo ha dovuto affrontare. Accennando alle condizioni finanziarie dello Stato nel momento in cui, poco più di un anno fa, lui iniziava il mandato, il presidente dimissionario del Consiglio ha dichiarato: “Oggi è facile dimenticare la drammaticità di quei momenti. Nelle mie prime uscite europee verso fine novembre mi sono trovato in una situazione che mi ha ricordato le parole di Alcide De Gasperi il 10 agosto 1946 a Parigi davanti alle forze vincitrici della seconda guerra mondiale: “Sento che tutto tranne la cortesia è contro di me”. Lo scorso novembre eravamo, forse a torto, circondati da una profonda diffidenza. Posso dire che quella emergenza finanziaria è stata superata. Gli italiani possono tornare a sentirsi cittadini d’Europa a testa alta. Abbiamo potuto evitare di ricorrere agli aiuti di Bce e Fmi. Sono sempre stato convinto che l’Italia avesse dentro di sè le risorse per farcela da sola. E il destino di altri Paesi che non ce l’hanno fatta mi conferma che la nostra strada è stata giusta”.

Il Professore (foto by InfoPhoto) ha poi proseguito: “Io sono sempre più convinto che l’Italia ha un grande potenziale. Può sorridere. Ha un grande capitale umano e sociale, salvo alcuni fenomeni come la criminalità organizzata. L’Italia deve ritrovare fiducia, come quella di fare più bambini. L’Italia si sta autodistruggendo”.

LA FINE DELLA LEGISLATURA

Monti conferenza stampa: a volte fatico a seguire il pensiero di Berlusconi

Monti conferenza stampa: potrei guidare un governo credibile favorevole alla mia agenda

Fine legislatura: partiti sparsi in attesa di Monti

Elezioni politiche: Napolitano ha sciolto le camere