Un surfista australiano è stato attaccato da uno squalo, a pochi giorni dal decesso di un altro bagnante. Questa volta, però, la vittima dell’aggressione è riuscita a salvarsi: nonostante le ferite, l’uomo si è divincolato dalla morsa dell’animale prendendolo a pugni.

Craig Ison, 52 anni, si stava godendo un pomeriggio sulle onde di Evans Heads, una località a nord di Sydney. Mentre si trovava sulla tavola da surf, però, è stato attaccato da un famelico squalo bianco: trascinato in acqua, e ferito profondamente alla gamba destra, l’uomo non ha tuttavia perso il coraggio e ha deciso di reagire. Ha quindi inferto dei pugni ben assestati all’animale, quel tanto utile per divincolarsi, risalire sulla tavola da surf e ritornare a riva. Giunto sulla spiaggia, è stato immediatamente trasportato al Lismore Base Hospital, in serie ma stabili condizioni.

Lo squalo bianco può crescere fino a sei metri di lunghezza e il suo morso, nella maggioranza dei casi, è purtroppo letale. La scorsa settimana, sempre in Australia, ha perso la vita Damian Johnson, un diver di 46 anni, attaccato da un grande esemplare. Pur essendo molto comuni nelle acque australiane, la media degli attacchi annuali è molto ridotta: meno di due casi. È proprio per questo motivo che degli episodi così ravvicinati stanno destando una più che lecita preoccupazione.

Fonte: Express