Dopo la rassegna dedicata nel 2012 a Wildt e le successive sul Novecento e Liberty, la Fondazione e i Musei di San Domenico proseguono l’indagine della cultura figurativa tra Otto e Novecento con una rivisitazione della vicenda di Giovanni Boldini, fra i maggiori e più prolifici artisti italiani residenti a Parigi, protagonista dal 1 febbraio 2015 della mostra “Boldini – Lo spettacolo della modernità dai Macchiaioli a Parigi” .

Attraverso le più recenti ricerche e la presentazione di nuove opere, l’esposizione ripercorrerà l’evoluzione creativa dell’artista ferrarese, dal primo incontro con i Macchiaioli a Firenze, fino agli anni parigini, vissuti a contatto con pittori quali De Nittis, Corcos, De Tivoli e Zandomenenghi. La scelta delle opere – circa 200 – spazierà dal ciclo di dipinti murali realizzati per la Villa “Falconiera” di Collegigliato, raffiguranti marine e scene di vita agreste, fino ai ritratti, soprattutto femminili, e le scene di vita mondana, tipici della capitale francese. Tra questi, 20 inediti cui si affiancheranno opere degli artisti con cui il ferrarese venne a contatto, come Francisco Goya.

La qualità e originalità delle ultime tre mostre – ha spiegato Antonio Paolucci, presidente del comitato scientifico – ha permesso a Forlì di occuparsi dei codici figurativi della modernità in tutte le sue varianti. E su questa proseguiremo”. In onore di Boldini sono state già allestite molte e importanti mostre, ma quella forlivese si distinguerà per la visione più articolata e approfondita della sua multiforme attività creativa.

Non solo dipinti quindi, ma anche la produzione grafica, disegni, acquerelli e incisioni. Curata da Francesca Dini e Fernando Mazzocca, la mostra presenterà autoritratti e ritratti, oltre a una biografia per immagini. “Ho l’assoluta certezza – ha concluso Paolucci – del successo di questa mostra”.

LEGGI ANCHE:

Van Gogh in mostra a Milano: anteprime autunno 2014

Frida Kahlo in mostra a Genova: anteprime autunno 2014

Mostre Ferrara 2015: La Barcellona di Picasso e Gaudí a Palazzo dei Diamanti