Una donna di 57 anni è morta di sclerosi multipla dopo aver intrapreso una terapia del digiuno che consisteva nell’alimentarsi, per tre settimane, solo con acqua. Un’indicazione che le era arrivata da un professionista di Perugia il quale, adesso, è stato indagato per omicidio colposo. La Procura della Repubblica ha già aperto un fascicolo per fare chiarezza sulla dinamica dei fatti e per accertare le cause del decesso. È stato il marito della paziente deceduta, che risiede in Sardegna, a segnalare il caso presentando una denuncia in Procura.

Muore di sclerosi, beveva solo acqua

La 57enne, affetta da sclerosi multipla, disperata poiché nessuna terapia avrebbe fatto effetto, ha scoperto il medico su internet e così avrebbe cominciato, sotto suo consiglio, la cosiddetta “terapia del digiuno”. Niente cibo per almeno tre settimane. In questo modo, secondo l’uomo che la stava curando, avrebbe potuto debellare la malattia, uccidendo una volta per tutte le cellule malate. Quotidianamente, infatti, doveva sottoporsi ad una seduta di agopuntura ed era costretta a bere tre litri d’acqua.

Dopo tre settimane, quando assieme al marito aveva intuito che la cura non servisse a nulla, la paziente ha deciso di interrompere la terapia. Ma ormai era troppo tardi. Domenica, infatti, le condizioni di salute sono peggiorate fino al ricovero d’urgenza al pronto soccorso di Perugia dove è morta – poche ore dopo – per insufficienza respiratoria.