Sono state tante le polemiche che riguardano la realizzazione del museo dedicato alle vittime dell’11 settembre 2001. Prime tra tutte quelle rivolte alla crescita dei costi per il progetto, che era ormai in lavorazione da ben 6 anni. Non meno importanti, invece, sono stati alcuni commenti delle famiglie di coloro che durante quel terribile 11 settembre persero la vita. Viene inaugurato proprio oggi il National September 11 Memorial Museum, in presenza del presidente Barack Obama accompagnato dalla moglie Michelle e affiancato dalle autorità dello Stato. Ecco alcune delle immagini del museo dedicato all’11 settembre 2001.

Durante i primi 5 giorni il museo sarà aperto solo e unicamente per le famiglie delle vittime dell’attentato alle Twin Towers, che potranno rimanere all’interno dell’edificio tutto il tempo che vorranno senza nessun vincolo. Durante queste giornate, infatti, il museo rimarrà aperto 24 ore su 24 per i famigliari dei deceduti, per i superstiti e per gli abitanti del quartiere. Si tratta di uno spazio espositivo di circa 10 mila metri quadrati che, come si può vedere dalle immagini, è contornato da una struttura di metallo e di vetro.

All’interno del museo sono state riposte alcune “reliquie” delle vittime dell’11 settembre tra cui dei guantoni da lavoro, il casco di un vigile del fuoco e il motore di un ascensore i cui cavi sono stati tagliati quando uno degli aerei ha colpito la torre Nord, per un totale di 10 mila oggetti, 23 mila fotografie, 1.900 racconti di testimoni e circa 500 ore di riprese video. Proprio ieri, durante la conferenza stampa, l’ex sindaco di New York Michael Bloomberg ha affermato che il museo “racconta come dopo gli attacchi gli abitanti di questa città, di questo Paese e di tutto il mondo si unirono. Questo museo manterrà vivo questo spirito dell’unità più di qualsiasi libro di storia”.

Foto tratte da twitter