Il Museo Nazionale dell’Automobile di Torino (MAUTO) in collaborazione con la Galleria d’Arte Contini di Venezia e Cortina d’Ampezzo, inaugura ufficialmente lo spazio dedicato alle esposizioni temporanee con la mostra delle opere di Enrico Ghinato.
La mostra intitolata “L’auto, la forma e i riflessi” sarà inaugurata il 16 novembre 2012 alle ore 18.30 e sarà visitabile fino al 20 gennaio 2013.

Proprio per avvalorare il suo carattere di unicità, si è deciso di ospitare la mostra dell’artista veneto Enrico Ghinato, tra i massimi esponenti dell’iperrealismo applicato al settoreautomobilistico. Le automobili esposte, circa una diecina, provenienti da collezionisti privati, dal Museo Nicolis di Villafranca di Verona (Maserati A6 1500 del 1947) e dal Mauto, sono state immortalate nella loro bellezza senza tempo. Le opere in esposizione saranno una trentina e ritraggono vetture di marchi italiani, a sottolineare l’importanza del valore del car design made in Italy.

“L’iperrealismo è linguaggio pittorico molto diffuso negli Stati Uniti a partire dagli anni ’70, mentre in Italia si è limitato a poche straordinarie eccellenze come quella di Enrico Ghinato. - scrive il critico Luca Beatrice - Ghinato, però, non guarda né alla classicità né alla storia dell’arte, ma prende spunto dal mondo metropolitano, perfettamente sintetizzato dal motore e dall’automobile. Nella sua pittura brillano superfici verniciate che esaltano il design dell’auto italiana: ne astrae quei particolari in grado di rappresentare la parte per il tutto, evocando il sogno di un’età dell’oro che, a partire dagli anni ’60, ha profondamente cambiato il Paese”.

Il Museo ha cambiato il suo volto, ma soprattutto ha cambiato la sua impostazione e la sua mission: non una semplice ristrutturazione architettonica ma un intervento che ha posizionato in modo dinamico e interattivo la nuova realtà museale all’interno del panorama culturale italiano. Il suo aspetto, contemporaneo e avveniristico, è stato ideato e progettato dall’architetto Cino Zucchi e l’innovativo spazio espositivo è firmato dallo scenografo François Confino, che a Torino ha già allestito il Museo Nazionale del Cinema.

Il Museo è aperto il lunedì dalle 10 alle 14; il martedì dalle 14 alle 19; il mercoledì, il giovedì e la domenica dalle 10 alle 19; il venerdì e il sabato dalle 10 alle 21.