È iniziata la settimana dei musei con tanto di hashtag #MuseumWeek. L’attività social è proprio ciò che contraddistingue questa prima edizione su Twitter.

Per la prima volta infatti, fino al 30 marzo, con i 140 caratteri della piattaforma dell’uccellino i musei di tutta Europa possono condividere in modo diretto e inedito esperienze e pratiche con il pubblico. Per tutta la settimana chi visiterà il Museo potrà esprimere i propri giudizi e le proprie opinioni e contattare il personale (foto by InfoPhoto).

Tra i musei che partecipano all’iniziativa: la Tate Modern Gallery di Londra, il Louvre e  il Museo d’Orsay di Parigi e il Museo del Prado di Madrid.

Il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo è presente con l’account @Mi_BACT ma l’Italia non è ancora molto “social”. Sono infatti davvero pochi i musei che gestiscono pagine Facebook o profili Twitter. A ribadirlo, con un tweet, è stato proprio il ministro dei beni e della attività culturali e del turismo Dario Francescini:

Ogni giorno verrà proposto un hashtag diverso con temi differenti. Oggi martedì, 25 marzo, attraverso l’hashtag #MuseumMastermind verranno proposti quiz, indovinelli e piccole prove di conoscenza al pubblico. Mercoledì 26 marzo l’hashtag del giorno sarà #Museum Memories, per una giornata dedicata ai racconti dei visitatori; giovedì 27 marzo si volgerà uno sguardo al dietro le quinte del museo con #BehindTheArt.

Venerdì 28 i ricercatori dei musei risponderanno alle domande più curiose, raccolte nell’hastag #AskTheCurator. Sabato 29 con #MuseumSelfies. Il pubblico potrà condividere le immagini scattate al museo. Domenica 29 marzo la #MuseumWeek sarà chiusa, ma prima ognuno potrà immaginare il proprio museo ideale. Tutto raccolto con  l’hashtag #GetCreative.

Ecco tutti i tweet sull’iniziativa: