La letteratura mondiale e la cultura in generale piange la morte di Nadine Gordimer, scrittrice sudafricana morta quest’oggi nella sua casa di Johannesburg. Premio Nobel Nobel per la letteratura nel 1991, era nata nella stessa città il 20 novembre 1923. Romanziera, autrice di saggi e vincitrice di molti premi in carriera, era figlia di due immigrati ebrei: il padre si era trasferito in Sudafrica dalla Lettonia, la madre da Londra.

Educata secondo un’educazione cattolica, è stata una delle sostenitrici della lotta contro l’apartheid e del razzismo in generale. Malata di cancro al pancreas, oggi è morta nella sua casa di Johannesburg il 14 luglio 2014: “Uno scrittore professionista è un dilettante che non ha mai smesso di scrivere”, era solita dire. Tra le sue opere, ricordiamo I giorni della menzogna, L’aggancio, Il bacio di un soldato e molto altro.

Nadine Gordimer, photo credit: saaleha via photopin cc