Abituato a vigliare sugli attentati, ha perso di vista il rapinatore. Uno spiacevole e imbarazzante episodio è accaduto a Napoli margine del vertice tra Giorgio Napolitano, il presidente tedesco Joachim Gauck (nella foto) e il presidente polacco Bronisław Komorowski.

Nella serata del 19 novembre, dopo il lavoro, il capo del servizio di sicurezza di Gauck, dopo aver accompagnato il presidente in albergo, si trovava sul lungomare, zona fortemente presidiata in questi giorni, tra sicurezza straniera e forze dell’ordine italiane. All’improvviso un rapinatore si è avvicinato all’agente e, sembra minacciandolo con una pistola giocattolo, gli ha sfilato l’orologio dal polso. Si trattava della copia di un Rolex. Beffati, i tedeschi non hanno potuto fare altro che denunciare il fatto. I poliziotti italiani si sono recati in albergo per raccogliere la denuncia, evitando ai colleghi stranieri l’ulteriore imbarazzo di doversi recare in Questura per raccontare, loro abituati ad occuparsi di terroristi, di essersi fatti buggerare da un semplice rapinatore.

photo credit: Deutsche Bundesstiftung Umwelt via photopin cc