Napoli come Raqqa e Caracas. Napoli finisce tra le 10 città più pericolose al mondo. A metterlo nero su bianco è il giornale inglese “The Sun” che parla di una situazione fuori controllo dove la camorra la fa da padrona. “La mafia in Sicilia è disciplinata mentre la camorra non ha una vera gerarchia: Napoli è come un selvaggio West in cui uccidono perfino ragazzini di 12 anni” scrivono. E per questo motivo Napoli entra di diritto nella lista nera per criminalità organizzata, traffico di sostanze stupefacenti ed omicidi.

Napoli come Raqqa e Caracas

Una classifica che vede, oltre a Napoli, anche Caracas, in Venezuela, e San Pedro Sula, in Honduras. Senza dimenticare Manila (Filippine) e Karachi (Pakistan) oltre a Raqqa in Siria e Mogadiscio in Somalia. Stupisce, invece, la presenza di Perth, in Australia, ritenuto uno “dei posti più belli del mondo” che, però, “è stato fatto a pezzi dalla dipendenza da cristalli di metanfetamina” con “ospedali e prigioni pieni di persone che hanno ucciso per una dose”.

59 omicidi ogni 100.000 abitanti a St. Louis in Nord America che, dunque, è stata inserita tra le città più pericolose al mondo assieme a Grozny in cui “centinaia di omosessuali vivono nel terrore di essere torturati o uccisi dalla brutale dittatura al potere”.