Il presidente emerito Giorgio Napolitano ha invitato senatori e deputati a dedicare un numero maggiore di ore ai lavori parlamentari, accusandoli di non trascorrere abbastanza tempo alla Camera e al Senato. Napolitano è apparso seccato nel corso del suo intervento alla riunione delle commissioni Esteri e Politiche UE di Camera e Senato, svoltasi oggi a Montecitorio:

Io mi domando se i presidenti delle Camere possano provare a convincere i rappresentanti dei gruppi parlamentari a chiedere a deputati e senatori di spendere qualcosa in più delle 30-40 ore settimanali che dedicano al Parlamento.

Secondo Napolitano al momento non c’è uno spazio “decente” per le discussioni nelle Commissioni. Discussioni che, come ricorda il presidente emerito, sono state il fulcro del confronto in Parlamento per decenni e hanno garantito il prestigio dell’istituzione.

È un grave fattore di decadenza istituzionale essere costretti a riunirci negli spiccioli di tempo.

Napolitano: trovare soluzione condivisa su stepchild adoption

Nel corso del suo intervento Napolitano ha voluto commentare anche le indiscrezioni emerse nelle scorse ore in merito alla sua posizione sulle unioni civili. Secondo fonti de Il Corriere il presidente emerito guiderebbe la coalizione Pd contraria alla stepchild adoption. Napolitano sceglie la linea del politically correct:

Non ho difficoltà a manifestare la mia preoccupazione per un esito di tale discussione, che possa vedere contrapposti aspramente settori politici pur favorevoli in principio al riconoscimento dei diritti delle coppie omosessuali e delle convivenze di fatto.

Napolitano ha auspicato un confronto sereno in Senato volto a trovare un compromesso tra le diverse posizioni:

Attraverso il concentrarsi degli sforzi sul merito della legge, e in particolare sull’art. 5, in vista di ogni possibile condivisa soluzione.

La senatrice del Pd Emma Fattorini, contraria alle adozioni gay, ripone molta fiducia in Giorgio Napolitano:

È il nostro monsignor Ruini. Non gli piace la stepchild adoption e sta lavorando per cambiarla. Se c’è uno che ce la può fare quello è lui, vedrete. E potrebbero seguirlo in diversi.