Lo aveva promesso e lo ha fatto. Il sindaco di Santa Croce Camerina, Francesca Iurato, inaugurerà martedì 23 maggio il nuovo impianto sportivo polivalente, in contrada Santa Rosalia, dedicato al piccolo Lorys Stival, ucciso dalla madre Veronica Panarello il 29 novembre 2014.  Si tratta di una struttura coperta, ubicata nella periferia di Santa Croce Camerina, nel Ragusano, costruita grazie a fondi statali (si tratta di 322 mila euro del Ministero delle Politiche Giovanili, ndr) che ospiterà, nello specifico, un campo di basket, pallamano, tennis e pallavolo.

Lorys strangolato dalla madre il 29 novembre 2014

Un progetto quadro, quello di “Io gioco legale”, che ha consentito a piccole comunità, come quella di Santa Croce Camerina, di potersi dotare di centri di aggregazione sportiva dove far crescere ed educare i più piccoli. Un impianto sportivo che l’amministrazione ha voluto dedicare a Lorys Stival (che praticava con passione il “taekwondo”, popolare arte marziale coreana) per dimostrare come l’intera comunità – per mesi sotto i riflettori – sia rimasta sconvolta da un omicidio così efferato come quello del piccolo strangolato dalla madre.

La madre di Lorys condannata a 30 anni di carcere

Intanto il prossimo 6 luglio, dinanzi alla Corte d’assise d’appello di Catania, comincerà il processo di secondo grado a carico di Veronica Panarello, già condannata, con rito abbreviato, in primo grado, a 30 anni di reclusione.