Il Natale è ormai alle porte: mancano poche settimane al giorno più atteso dell’anno. Proprio per questo motivo milioni di italiani sono già alla ricerca di regali per il proprio partner, per la famiglia e anche per gli amici. L’obiettivo è spendere il meno possibile. Tra i doni più gettonati spiccano i giocattoli, l’abbigliamento, l’intramontabile libro, giocattoli e persino leccornie alimentari. A rivelarlo è un’indagine della Confcommercio che evidenza anche il calo, rispetto all’anno 2015, di telefoni cellulari, tablet e articoli informatici.

Natale 2016, crescono gli acquisti online

La spesa media per i regali sarà di circa 300 euro, dunque lo stesso budget utilizzato nel 2015 che, però, sarà destinato interamente ai propri familiari. Non c’è più spazio per amici e conoscenti che dovranno accontentarsi di “pensierini”. Diminuisce anche il numero di consumatori che si recheranno nei negozi all’ultimo aumento: saranno il 20% in meno. Ad avere la meglio saranno i punti vendita della grande distribuzione (75,6%) oltre ai negozi tradizionali (56%); in crescita anche gli acquisti online che sono volati al 44% (contro il 3,8% del 2009).

Natale 2016, no alla rateizzazione per i regali

Gli italiani, tra l’altro, pagheranno in contanti: basta alla rateizzazione per i regali di Natale, sempre secondo la ricerca di Confcommercio. Il 47%, di fatto, pagherà in contanti, il 30% con bancomat e tutti gli altri con carta di credito.