Ho un disperato bisogno d’amore
che non mi fa dormire
Ho un disperato bisogno d’amore
che mi porta fino a te
E’ un disperato bisogno d’amore
che mi fa star male
E’ un disperato bisogno d’amore
che cresce dentro me

Inizia così una canzone degli Stadio scritta venti anni fa. Il periodo di Natale è sempre una occasione per stringere mani, rivedere vecchi amici davanti ad un caffè fumante, scambiare quattro chiacchiere davanti ad un cammino acceso.

E’ anche un momento per rallentare un attimo la nostra vita frenetica e stare ad ascoltare. La cosa che mi ha stupito di più delle persone che ho incontrato è la non capacità di ritagliarsi uno spazio tutto per sè da condividere con qualcuno. Ho sentito le loro anime gridare il disperato bisogno di ricevere amore: un amore a volta incolmabile che ha lacune da anni, vuoti dell’anima che sono stati rimpiazziati dal consumismo e dalla tradizione, ma che nulla hanno a che fare con l’affetto e i sentimenti. E mentre la gente recita a memoria il discorso del loro personaggio, il loro io profondo urla la necessità di amore, di quei piccoli gesti che ti fanno stare veramente bene. Ho visto centri Commerciali straripanti, strade intasate, e la gente persa nella speranza di trovare l’occasione e il “regalo giusto”. Poi, ti volti e trovi mendicanti ad ogni angolo di strada che ti auguravano buone feste con le mani protese e i cappelli aperti e nonostante tutto, c’era chi di loro aveva la forza di regalarti un sorriso. “Che cosa straordinaria!” ho pensato. Un sorriso, la cosa più semplice al mondo, uno strumento di gioia e serenità, che nel 2012 ancora non sappiamo donare.

Non voglio star qui a sparare l’ennesimo “pippone” : mi piacerebbe solo che potessimo iniziare a “guardare oltre” ciò che la società impone. E quando si domanda ad un bambino: “Cosa è per te Natale?” non sentire esclusivamente “E’ l’arrivo di Babbo Natale che mi porta tanti regali” ma sarebbe carino riuscire a trasmettere alle nuove generazioni le vere tradizioni. Perchè Natale è anche Babbo Natale che porta i regali, ma in primis, è la nascita di Gesù Bambino.

La vera ricchezza è sapere arrivare al cuore della gente.

Buone Feste a tutti!

Leggete anche:  Pubblicità volgari: quando lo slogan mortifica le donne.

E ancora:
e-Commerce: una realtà che conosce poco la crisi.

Moda e web, fashion blogger o modelle di internet?

Belen Rodriguez e compagnia bella: quando la testimonial ruba la scena al brand.

(Seguite Elisa anche sul suo sito ufficiale: Elisadospina.com!)