Un’operazione contro la ‘ndrangheta ligure, nella prima mattinata di lunedì 3 dicembre, ha portato all’arresto di 15 persone. I Carabinieri di Imperia hanno eseguito un’ordinanza del Gip di Genova che segue l’indagine avviata dalla Direzione nazionale antimafia nel 2010 contro le ramificazioni locali delle cosche calabresi dei Piromalli, Alvaro e Pelle, operanti tra Ventimiglia e Sanremo. Obiettivo dell’operazione di questa mattina è il presunto boss di Ventimiglia, Giuseppe Marcianò, 79 anni, soprannominato “Zio Peppino”, insieme al figlio Vicenzo. L’ordinanza odierna è il seguito della vicenda che all’inizio del 2012 portò allo scioglimento del Consiglio comunale di Ventimiglia.

Le indagini puntano anche alle attività di cooperative vicine alla “locale” con alcune amministrazioni pubbliche. Sono state perquisite le abitazioni dell’ex sindaco di Ventimiglia Gaetano Scullino, dell’ex sindaco di Bordighera Giovanni Bosio, dell’ex direttore generale del Comune di Ventimiglia Marco Prestileo e del sindaco di Vallecrosia in carica, Armando Biasi.

LINK UTILI

Intrecci malavita-politica, blitz dei carabinieri a Imperia, 15 arresti

‘Ndrangheta: arresti tra Milano e Reggio Calabria

‘Ndrangheta: trovati i resti di Lea Garofalo, la collaboratrice di giustizia uccisa a Milano nel 2009

photo credit: Edge of Europe via photopin cc