Oggi, 18 luglio, il mondo celebra il Nelson Mandela Day, ricorrenza istituita nel 2009 dell’Assemblea Generale delle Nazioni, in riconoscimento del contributo dell’ex Presidente sudafricano alla cultura della pace e della libertà.

Per 67 anni Nelson Mandela ha dedicato la propria vita al servizio dell’umanità, come avvocato dei diritti umani, prigioniero di coscienza, operatore di pace internazionale e primo presidente democraticamente eletto in un Sudafrica libero. Oggi, nel 97° anniversario della sua nascita, si commemora dunque la dedizione di Mandela per la risoluzione dei conflitti, la promozione e tutela dei diritti umani, la riconciliazione, la parità di genere, nonché il suo contributo alla lotta per la democrazia internazionale e la promozione di una cultura di pace in tutto il mondo.

L’insegnamento di Nelson Mandela ci ha dato la possibilità di raggiungere un futuro migliore”, ha ricordato Sello Hatang, direttore esecutivo della Fondazione Nelson Mandela. “Madiba giustamente disse: ‘Quello che conta nella vita non è il semplice fatto di aver vissuto. E’ quello che abbiamo fatto per la vita degli altri che determinerà il significato della nostra vita.’”

Ogni anno, in questa giornata, la Nelson Mandela Foundation chiede quindi alle persone di tutto il mondo di dedicare 67 minuti del loro tempo – uno per ogni anno che Madiba trascorse lottando per la libertà e per i diritti del suo popolo – a qualche attività di solidarietà, le cosiddette Mandela Day Action. Anche quest’anno, il mese di Nelson Mandela (scomparso il 5 dicembre 2013 all’età di 95 anni) sarà così onorato con il tema “Rendiamo ogni giorno un Mandela Day dedicando 67 minuti del nostro tempo a coloro che sono in difficoltà”. Gli hashtag per seguire le celebrazioni e tutti gli eventi di questo Mandela Day 2015 sono #Time2Serve e #MandelaDay.

Madiba nasce a Mvezo, i Sudafrica, il 18 luglio 1918. Tra i più noti attivisti anti-apartheid, viene arrestato nel 1964 per aver guidato il movimento di liberazione contro l’apartheid. E’ incarcerato a Robben Island, al largo di Città del Capo, in Sud Africa e il suo numero identificativo diviene 46664. Sarà rilasciato solo nel 1990 dopo quasi 27 anni di prigionia. Nel 1993 viene insignito del Premio Nobel per la Pace e nel 1994 è eletto presidente del Sudafrica, carica che rivestirà fino al 1999.