È stato rinvenuto all’interno della mangiatoia di un presepe, in via d’allestimento nei pressi di una chiesa statunitense. Comincia così il percorso di vita di un piccolo neonato, abbandonato dalla madre a pochissime ore dalla nascita. Il tutto accade a New York, presso la Holy Jesus Child Church nel Queens, dove il piccolo è stato immediatamente tratto in salvo e portato in ospedale per tutte le cure del caso.

La chiesa in questione stava preparando la scena della natività per l’imminente periodo di feste e, sebbene gran parte della grotta fosse ormai terminata, ancora mancava la statua del Bambin Gesù all’interno della mangiatoia. Il custode della chiesa, Jose Moran, recandosi nello spazio adibito al presepe ha sentito dei pianti, quindi ha trovato un bambino di poche ore avvolto in una salvietta e con il cordone ombelicale ancora presente. Allertato il parroco Christopher Ryan Heanue, la chiesa ha immediatamente chiamato la polizia e i soccorsi: il neonato è stato trasportato in ospedale, dove si trova in buone condizioni di salute. La città di New York prevede leggi e normative speciali per chi si trovasse in difficoltà e fosse costretto ad abbandonare un figlio: esistono servizi specifici in ospedale, presso le stazioni di polizia e le caserme dei pompieri. L’azione, sebbene non comporti nessuna conseguenza legale, prevede però la necessità di presentarsi effettivamente agli sportelli: la madre in questione, così come specificano le fonti USA, ha forse optato per il presepe per la paura di essere riconosciuta.

Fonte: UPI