Strage in Nepal dove un autobus per il trasporto dei passeggeri – forse sovraffollato, come riferiscono i media locali – è finito in una scarpata causando il decesso di almeno 33 persone (secondo altre fonti sarebbero 36, ndr) e ferendone 29. A riferirlo è un quotidiano locale che specifica come il veicolo fosse partito dalla capitale del Nepal e si stesse dirigendo verso Kattike Deurali. Poi, a causa di una manovra erronea compiuta dall’autista del bus, è finito fuori strada precipitando per circa 300 metri a fondo valle e causando il decesso di decine di passeggeri a bordo.

Nepal, autobus sovraffollato

Una fine atroce per almeno 33 persone che si trovavano a bordo di quell’autobus, forse sovraffollato, finito in una scarpata in cui anche i soccorsi – giunti immediatamente – hanno avuto difficoltà ad accedere. Difficilissimo, dunque, raggiungere il luogo dell’incidente in Nepal: il recupero delle salme – come riferisce l’Ansa – starebbe procedendo a rilento. La situazione è drammatica e la responsabilità dell’incidente, forse, sarebbe da addebitare al conducente del veicolo. Come mai, ad esempio, l’autobus era così sovraffollato?

Nepal, 33 morti 29 feriti

La maggior parte dei feriti (il bilancio provvisorio parla di 29 persone ferite, ndr), invece, sono stati immediatamente trasferiti a Kathmandu con gli elicotteri messi a disposizione dell’esercito per le cure del caso.