Il gruppo Nestlé ha deciso di cedere due prodotti storici: le caramelle Rossana e la pasticceria Ore liete, in possesso della multinazionale dal 1991. La decisione è stata maturata per permettere al gruppo di concentrarsi sul cioccolato, la fonte di maggiori introiti. La notizia anticipata dal Corriere della Sera ha scatenato l’immediata protesta dei sindacati, mettendo in allarme anche la presidente della Regione Umbria, dove ha sede lo stabilimento della Perugina del gruppo Nestlé. Catiuscia Marini ha sottolineato tutta la sua preoccupazione:

Per l’Umbria e per Perugia lo stabilimento Perugina del gruppo Nestlé è una realtà industriale e occupazionale importante e tale vogliamo che sia mantenuta anche per il futuro. Anche per questo ascolterò con ancora maggiore attenzione e preoccupazione quanto domani la delegazione della Nestlé ci presenterà.

La governatrice ha rassicurato i dipendenti, affermando che attiverà ogni intesa possibile per mantenere la produzione industriale a Perugia e preservare i posti di lavoro nello stabilimento. Ieri la Cgil Umbria ha indetto un’ora di sciopero a fine turno nello stabilimento Perugina di San Sisto, che impiega 800 dipendenti assunti a tempo indeterminato e circa 300 lavoratori stagionali. In un comunicato i lavoratori si dicono preoccupati dalle indiscrezioni trapelate sul piano industriale della Nestlé:

La Rsu e i lavoratori non accettano giochi e speculazioni in vista di un appuntamento di fondamentale importanza per il futuro del sito produttivo. Il mantenimento di corrette relazioni industriali è essenziale per avviare un confronto leale tra le parti. In questo modo, invece, si parte molto male.

I vertici della Perugina si sono trincerati dietro un no comment, ribadendo il loro massimo rispetto per le relazioni sindacali. La nota caramella rossa era stata lanciata dalla Perugina nel 1926 in onore della Rossana di Cyrano de Bergerac. La compagnia ha reso noto che verranno ceduti soltanto i marchi e non le produzioni. Secondo le indiscrezioni il marchio potrebbe essere acquisito dalla Sperlari, dalla Ambrosoli, dalla Elah Dufour Novi o dalla Perfetti.