L’ex parlamentare Nicola Cosentino, è stato arrestato dai carabinieri di Caserta insieme ai fratelli Giovanni e Antonio nell’ambito di un’inchiesta della Procura di Napoli sulla vendita di carburanti nella provincia casertana. Le accuse sono di estorsione e concorrenza sleale aggravata dalla finalità camorristica. Insieme all’ex Sottosegretario di Stato del governo Berlusconi, deputato per quattro legislature consecutive, sono finiti in manette un’altra decina di persone tra cui i fratelli Giovanni e Antonio.

Tra gli indagati illustri figuravano anche l’ex prefetto di Caserta ed ex deputato del Pdl Maria Elena Stasi e l’ex sindaco di Villa di Briano Raffaele Zippo, ai quali viene contestato anche il reato di illecita concorrenza. Oltre a loro erano sotto inchiesta alcuni funzionari e dirigenti del piccolo comune del Casertano. A inchiodarli sarebbero state alcune intercettazioni telefoniche e dichiarazioni di alcuni collaboratori di giustizia.

LEGGI ANCHE

Elezioni politiche: Cosentino resta fuori

Presentazione liste elettorali: Cosentino io capo degli impresentabili