La tragedia della Costa Concordia, provocata dal folle gesto legato al classico saluto delle navi da crociera, ha comportato diverse modifiche presentate nel decreto dei ministri dell’Ambiente e dei Trasporti.

La Capitaneria di Porti di Genova, per voce dell’ammiraglio Felice Angrisano, fa sapere che ci saranno controlli più severi che non permetteranno alle navi da crociera di avvicinarsi oltre un limite di sicurezza.

A Portofino sono così state delimitate due aree situate a circa un chilometro dall’area marina protetta e che potranno essere raggiunte solo attraverso percorsi prestabiliti e controllati.

Inoltro, un’apposita ordinanza creata per la stagione estiva, prevede che la distanza di sicurezza venga fissata a 3,7 chilometri per quanto riguarda le imbarcazioni superiori alle 500 tonnellate’

‘Le Capitanerie applicano il decreto ai casi specifici – spiega Angrisano – A Portofino e a Santa Margherita cambiano molte cose ma allo stesso tempo abbiamo voluto garantire la possibilità ai crocieristi di visitare la bellissima area marina’.

Insomma, visitare si, ma con prudenza e rispetto.

‘Presenteremo l’ordinanza nei minimi dettagli agli organi di stampa subito dopo la sua emanazione – ha continuato – Il provvedimento è stato illustrato agli enti locali e alle istituzioni, come l’Area marina, oltre che agli operatori del settore, per cercare di condividere le scelte per tutelare l’ambiente senza impedire ai passeggeri di visitare quei luoghi bellissimi’.