Forse disperato dalle condizioni del nipote di 5 anni che soffriva di una rara malattia genetica, per questo motivo il nonno disperato di 73 anni ha deciso di porre fine all’esistenza del piccolino, e della sua, gettandosi in un fiume abbracciandolo per un’ultima volta.

A trovare i cadaveri lo zio poliziotto che stava facendo jogging vicino alle acque dell’Adigetto a Lendinara (Rovigo) e che stava andando a dare il cambio proprio al nonno.

I genitori non erano a casa perchè impegnati ad un convegno a Perugia sulla malattia del figlio, per questo il piccolo era affidato al nonno. Lo zio poliziotto che ha scoperto i corpi senza vita, prima ha notato il passeggino abbandonato sulla strada poi ha intuito la tragedia e si è messo a cercare nel fiume scoprendo la tragedia.

La tragedia famigliare, un gesto estremo di omicidio-suicidio, è ora nelle mani del Pm Monica Bombara che deve decidere se sarà necessaria l’autopsia sulle due salme.

photo credit: absolutmaybe via photopin cc