Si conclude con la richiesta di un maxi risarcimento la vicenda che ha visto coinvolte tre case farmaceutiche – Novartis, Roche e Hoffmann – in merito alla commercializzazione dei farmaci Lucentis e Avastin.

L’ingente somma richiesta dal Ministero, ben 1,2 miliardi di euro, è stata motivata dal comportamento anticoncorrenziale delle tre azienda, che avrebbero creato “un’intesa orizzontale restrittiva della concorrenza finalizzata alla commercializzazione del farmaco Lucentis molto più costoso del farmaco Avastin, ad esso equivalente“.

Cifra più ridotta, invece, quella richiesta alla Pfizer: 14 milioni di euro, risarcimento dovuto a causa del comportamento di abuso di posizione dominante tenuta dalle stesse in relazione alla commercializzazione del farmaco Xalatan.