È festa grande nel mondo e sui social dopo che la Corte Suprema degli Stati Uniti ha sentenziato che il matrimonio è un diritto costituzionalmente garantito e che deve esserlo anche per le coppie omosessuali. Dalla giornata di ieri, quindi, le nozze gay sono diventate legali in tutti i cinquanta Stati degli Usa. Per molti un passo fondamentale, che potrebbe aprire le porte alla legalizzazione anche in molti dei Paesi in cui questo diritto non è stato ancora garantito.

Nozze gay legali in Usa: la gioia di Barack Obama

Il primo a salutare con gioia la sentenza della Corte Suprema è stato lo stesso presidente americano, Barack Obama, che sull’uguaglianza dei diritti di tutti ha sempre puntato molto, sia nelle campagne elettorali sia nello svolgimento del suo ruolo. Proprio per questo motivo, oltre a commentare in un discorso la sentenza storica della Corte Suprema, ha pubblicato un serie di tweet con hashtag #LoveWins (l’amore vince) in cui ha scritto: “Oggi abbiamo compiuto un passo importante nella marcia verso l’uguaglianza. Le coppie gay e lesbiche adesso avranno il diritto di sposarsi, come qualunque altra coppia“, “Tutte le persone dovrebbero essere trattate nello stesso modo, indipendentemente da chi sono e da chi amano“, “Questa sentenza è una vittoria per l’America” e ancora “Quando tutti gli Americani saranno trattati allo stesso modo, saremo tutti più liberi“.

Nozze gay legali in Usa: la reazione sui social e nel mondo

La sentenza della Corte Suprema ha ovviamente soddisfatto chi da anni si batte per il riconoscimento del diritto degli omosessuali a sposarsi, qualora lo desiderino oppure supporta la causa, in qualsiasi modo possa essere possibile. Il fatto che da ieri le nozze gay siano legali su tutto il territorio degli Stati Uniti (sinora lo erano solo in 37) e che siano addirittura riconosciute come diritto costituzionale, è stato festeggiato anche da Facebook, che ha permesso agli utenti di colorare la foto del proprio profilo utente con i colori dell’arcobaleno (basta cliccare su questo link per farlo). A tingersi con i colori dell’arcobaleno sono stati anche la Casa Bianca a Washington (guarda il video sotto) e il castello di DisneyWorld a Seattle.