In questi giorni sui blog ed i social network si sprecano i messaggi allarmistici. Il mese di gennaio del 2015 sarà “il più freddo della storia“. Colpa si dice dei cambiamenti che sta subendo il nostro pianeta. A questi messaggi si aggiungono le dichiarazioni di alcuni scienziati – in particolare messicani e statunitensi – che prevedono l’arrivo di una nuova piccola glaciazione.

Ovvio che diverse persone possano sentirsi un po’ spaesate, visto che fino a ieri il rischio maggiore per il nostro pianeta sarebbe stato quello del Global Warming, che secondo gli esperti dell’IPCC (l’Organo Intergovernativo sul Cambiamento Climatico delle Nazioni Unite) potrebbe diventare irreversibile.

Cosa c’è di vero? Tra il 1300 (circa) ed il 1850 c’è stata effettivamente una piccola era glaciale. Ma nessuno può dire con certezza quali siano i motivi che l’abbiano provocata e perché sia terminata. Si possono fare solo delle supposizione, che vanno dall’attività solare ad una diversa circolazione delle correnti marine.

Insomma, sappiamo ancora poco sulle temperature del nostro pianeta. E proprio per questo mi lasciano diversi dubbi le dichiarazioni degli scienziati che parlano di piccole ere glaciali. Sanno tanto di lobby delle industrie inquinanti.

LEGGI ANCHE
Bufala infezione shampoo Facebook: la disgustosa foto è spam virale
Sirena trovata a Lampedusa: la bufala sfrutta gli effetti speciali dei Pirati dei Caraibi
Educazione fisica abolita nelle scuole: una delle tante bufale che circolano in rete

photo credit: Broo_am (Andy B) via photopin cc