“Nessuno in questi dieci anni, se n’è andato da Lampedusa così com’era arrivato. Non la gente di qui, non le migliaia di amici venuti da fuori, non quanti hanno collaborato all’organizzazione e nemmeno gli artisti. O’scià è cresciuta ed è cambiata insieme a loro e grazie a loro, e loro sono cresciuti e sono cambiati insieme e grazie ad O’scià e CiaO’scià è il nostro modo di dire grazie a tutti per il significato e il valore di questa crescita e per essere stati e continuare ad essere ambasciatori del messaggio di O’scià nel mondo”.

Parla così Claudio Baglioni del Festival musicale da lui voluto che si sta svolgendo in questi giorni a Lampedusa.

Iniziato ieri e in chiusura domani, O’Scià raggruppa in tre giorni alcuni dei più famosi artisti musicali italiani che si alterneranno sul palco della Guitgia.

Saranno così insieme gli artisti più giovani con quelli più esperti, si vedranno infatti insieme Alessandra Amoroso, Gigi D’Alessio, Claudio Baglioni, Pino Daniele, Luciano Ligabue, Pino Insegno, Fiorella Mannoia, Litfiba, Giorgio Panariello, Meri Marcorè, Giuliano Sangiorgi e Massimo Ranieri.

Musica e spettacolo insieme per festeggiare il decimo anniversario del festival che vede la collaborazione della O’Scià Onlus, Esaote, Assessorato della Salute Regione Siciliano, Ministero della Salute e Nazionale Cantanti.