Il 20 gennaio 2009 è cambiata la storia: per la prima volta, infatti, un uomo di origini afro-americane è stato eletto presidente del più importante paese al mondo, gli Stati Uniti. Un uomo di colore a capo della legislatura più importante, in barba a tutti i commenti razzisti di questo o quel mondo. Un traguardo che avrebbe fatto sicuramente piacere anche a gente come Luther King, Malcom X e così via. Un cambio nella storia, dove i neri hanno sempre subito dai bianchi.

Ma se il 2009 è stato un anno di cambiamento, il 20 gennaio rimane comunque il giorno dei presidenti degli Stati Uniti: 5 anni fa Barack Obama diventa il 44º presidente degli Stati Uniti, ma 25 anni fa George H. W. Bush ne diventava il 41º, 45 anni fa Richard M. Nixon il 37º e 65 anni fa Harry S. Truman il 33º.

LEGGI ANCHE

Obama riforma Nsa: governi sempre spiati ma l’Ue lo applaude

Letta incontra Obama: “L’Italia va nella giusta direzione”

Scandalo Datagate: spiata anche la Merkel, furiosa con Obama