Barack Obama durante una conferenza stampa dalla Casa Bianca parla della stretta sulle armi da fuoco e si commuove pensando ai morti delle stragi americane. Il presidente degli Stati Uniti d’America annuncia che non si può più aspettare e che ha deciso di pianificare una stretta sulle armi da fuoco utilizzando i suoi poteri esecutivi speciali poiché ha trovato ostruzionismo nel Congresso.

Saranno intensificati i controlli e diminuite le vendite di pistole e fucili per fermare le stragi che in questi mesi hanno macchiato l’America di sangue.  Il presidente Obama ricorda i morti delle stragi americane “con più di 30 mila americani uccisi dalle armi da fuoco ogni anno” sfida la politica americana ad agire immediatamente.

I bambini sono le vittime che più fanno arrabbiare e commuovere allo stesso tempo Obama e in quest’anno ci sono già stati molti piccoli americani caduti davanti alla follia delle stragi nella scuola elementare Sandy Hook di Newtown in Connecticut e solo ieri una bimba uccisa da un’altro bambino in Georgia a causa di una  pistola lasciata incustodita. Obama commenta con le lacrime che gli solcano il viso: “Le costanti scuse per non agire non sono più sufficienti. Il Congresso deve agire sulla sicurezza della armi, ma oggi annuncio queste azioni esecutive perché l’America non può piu’ aspettare. Ogni volta che penso a quei bambini, divento matto” e poi commenta “Se un bambino non può aprire un contenitore di aspirine, dobbiamo fare in modo che non possa premere il grilletto di una pistola”. 

Asciugandosi le lacrime si scaglia contro le lobby delle armi e contro il Congresso: “Credo nel secondo emendamento (sulla libertà di difendersi), ma credo anche che possiamo trovare il mode di ridurre la violenza causata dalle armi in coerenza con il secondo emendamento. (…) Non possiamo accettare questa carneficina come il prezzo della nostra libertà. La lobby delle armi potrà anche tenere in ostaggio il Congresso, ma non può tenere in ostaggio l’America. Il Congresso deve agire sulla sicurezza della armi, ma oggi annuncio queste azioni esecutive perché l’America non può aspettare”.

Il presidente Obama ha ricevuto il sostegno di Hillary Clinton in twitter scrive “Grazie Barack Obama per aver fatto un passo cruciale contro la violenza delle armi” mentre le lobby delle armi, attraverso National Rifle Association, annunciano di combattere per proteggere il loro diritto di possedere armi.

Obama piange i morti per le armi da fuoco VIDEO

Ecco il video dove Obama presenta le misure sul controllo delle armi