Barack Obama è stato rieletto alla presidenza degli Stati Uniti dopo le elezioni del 6 novembre. Quando mancano ancora i risultati dello spoglio in Florida, il candidato democratico ha vinto 303 voti elettorali (cioè l’impegno a votare per lui da parte dei “grandi elettori” che il 17 dicembre sceglieranno tecnicamente il Presidente). Il minimo richiesto dalla legge è di 270. L’avversario repubblicano, Mitt Romney, finanziere ed ex governatore del Massachussets, ha guadagnato 206 voti elettorali.

La corsa è sempre stata ravvicinata. Per quanto riguarda il voto popolare, Obama ha preso 56,4 milioni di voti, pari al 49,9%, mentre a Romney ne sono andati 54,9, equivalenti al 48,6%. Da queste cifre manca sempre la Florida.

Si votava anche per rinnovare il Congresso. Anche qui gli equilibri sono rimasti praticamente invariati. I Democratici hanno mantenuto il controllo del Senato (51 seggi contro 44), mentre i Repubblicani hanno ancora la maggioranza alla Camera, (226 a 174), sempre Florida esclusa.