Il nuovo premier rifiuta la candidatura

Il governo tecnico non ha approvato la candidatura di Roma per per le Olimpiadi del 2020, ora è ufficiale, il premier Monti ha escluso categoricamente una candidatura italiana per il momento no del nostro paese.
Dopo aver esaminato tutto il fascicolo riguardante l’organizzazione e l’investimento per la manifestazione a livello mondiale, Monti ha elogiato l’ottimo lavoro dei commissari ma ha dichiarato che in questo momento storico sarebbe un rischio troppo grande per la nazione.
Amara la reazione del Coni, Petrucci si è detto molto dispiaciuto dell’accaduto soprattutto per una risposta tardiva del governo, amareggiato anche Pescante, per lui i giochi Olimpici del 2020 avrebbero potuto dare una mano ad un paese in crisi aiutando l’economia con una flotta di turisti in ingresso nel nostro paese.
Tutto il mondo dello sport è molto amareggiato e le reazioni delle istituzioni sono state molto eleganti, i commercianti di Roma avrebbe atteso come una manna dal cielo l’arrivo degli atleti nella capitale.