L’omicidio dei coniugi di Giugliano, Luigi Simeone e Immacolata Assisi, trovati morti in una cava di tufo sabato scorso, ha un sospettato. Gli inquirenti hanno infatti fermato un uomo di Pianura per il duplice delitto. Si tratta del trentenne Antonio Riano. Il giovane uomo è incensurato e lavora con il padre presso un chiosco di fiori nei pressi del cimitero di Soccavo.

Il sospettato è stato interrogato per tutta la notte dagli agenti del commissariato di Giugliano. Gli interrogatori, coordinati da Pasquale Trocino, hanno fatto emergere diversi indizi di colpevolezza a carico del giovane. Il pm ha pertanto deciso di disporre il fermo dell’uomo. Antonio Riano non ha confessato l’omicidio dei coniugi di Giugliano, uccisi con diversi colpi di pistola alla testa. Nel corso dell’interrogatorio, però, il sospettato si sarebbe contraddetto diverse volte.

Gli inquirenti sono giunti a lui grazie a un sms inviato ai coniugi di Giugliano per organizzare un incontro. L’uomo avrebbe voluto incontrare la coppia in pizzeria per discutere dell’acquisto dell’appartamento della famiglia Simeone. Titti Simeone avrebbe mostrato l’sms a un’amica. L’ultimo appuntamento della coppia, dunque, non era con degli amici ma molto probabilmente con Antonio Riano.

I due potrebbero non essere mai arrivati sul luogo dell’incontro. Il loro assassino potrebbe averli intercettati lungo la strada. Secondo quanto riferisce l’amica della donna, la coppia aveva deciso di vendere l’appartamento e stava conducendo diverse trattative. Dopo la morte del fratello, Titti Simeone voleva trasferirsi vicino alla sorella gemella ad Aversa e aveva già versato la caparra per l’acquisto di un’altra casa.

La donna aveva parlato all’amica di una trattativa quasi conclusa e interrotta bruscamente davanti al notaio. Gli inquirenti indagano per scoprire se la compravendita dell’appartamento al quarto piano di uno stabile in Via Colonne di Giugliano, numero 7 sia il movente del duplice delitto. L’appartamento dei coniugi di Giugliano ora è sigillato. La Procura del Tribunale di Napoli Nord di Aversa ha indetto una conferenza stampa per le 11 per svelare i dettagli dello sviluppo delle indagini.