E’ durata circa un’ora e mezzo la visita dei genitori a Massimo Bossetti, che si trova nel carcere di Bergamo con l’accusa di aver ucciso la 13enne Yara Gambirasio. Ester Arzuffi e Giovanni Bossetti erano insieme alla sorella gemella del muratore, Laura. E’ il primo incontro tra Massimo e la famiglia dopo l’arresto.

Hanno partecipato anche i legali di Bossetti, gli avvocati Silvia Gazzetti e Claudio Salvagni. All’uscita dal carcere, l’avvocato della famiglia, Bendetto Bonomo, ha detto: “C’è stata grande commozione. La famiglia è molto unita, so che non c’è stato nessun momento di tensione perché tutti credono nell’innocenza di Massimo”. Quest’ultimo è dietro le sbarre da un mese e continua a professarsi innocente.

Claudio Salvagni, a questo proposito, ha aggiunto: “Seppur molti fatti, elementi e atti di indagine sono stati, purtroppo, resti di pubblico dominio, ve ne sono altri – sconosciuti a media e pubblico – che, corroborati dalle risultanze di attività difensive poste in essere, mi consentono un oggettiva lettura degli eventi assolutamente distante dalla valutazioni e considerazioni che leggo sui giornali o ascolto nei programmi tv. Bossetti, seppur molto provato da oltre un mese di isolamento carcerario, non solo ribadisce con forza la sua innocenza, ma continua a fornire ripetuti elementi a suffragio di tale assunto”.