I giudici della prima Corte d’Assise di Roma hanno deciso: e così è arrivata la condanna a 14 anni di reclusione per Antonio Ciontoli, accusato dell’omicidio del giovane Marco Vannini, assassinato il 18 maggio 2015 a Ladispoli, in provincia di Roma, dopo un colpo sparatogli proprio da Ciontoli, padre della fidanzata Martina, a sua volta condannata a 3 anni di carcere per omicidio colposo insieme alla madre Maria Pezzillo e al fratello Federico.

Assolta, infine, la fidanzata di Federico, Viola Giorgini.