L’ivoriano Rudy Guede è l’unico ad essere stato condannato per la morte della studentessa inglese Meredith Kercher e da diverso tempo ormai sta scontando la sua pena presso il carcere Mammagialla di Viterbo. Oggi Guede avrebbe dovuto usufruire di un permesso di trentasei ore da trascorrere fuori dall’istituto di pena ma a quanto pare il nulla osta non è stato più concesso e il ragazzo è rimasto in carcere.

Saputa la notizia che Guede (coinvolto nell’omicidio di Meredith Kercher insieme all’americana Amanda Knox e l’Italiano Raffaele Sollecito, questi ultimi due scagionati) sarebbe uscito per qualche ora dal carcere, molti giornalisti si sarebbero asserragliati fuori dal carcere di Viterbo. Attesa vana per i cronisti, dato che l’ivoriano fuori dal carcere non avrebbero più messo piede.

A dare conferma del fatto che il permesso concesso a Guede è stato poi ritirato (o comunque sarebbe slittato) è stato anche il suo legale, Fabrizio Ballarini, secondo cui il nulla di fatto sarebbe soltanto momentaneo. Il permesso, dunque, sarebbe soltanto slittato – non si sa per quale motivo burocratico/logistico non ben definito.

Secondo Ballarini il permesso sarebbe slittato perché nella struttura che avrebbe dovuto ospitare Guede mancherebbero le cucine. E attualmente sarebbe davvero impossibile riuscire a capire quando il permesso possa essere concesso, tutto dipenderà da quando il tribunale di sorveglianza – che si occupa di questi aspetti – deciderà di revisionare i tempi tecnici e adottare una nuova decisione in merito.